Cosa è la psicomotricità?

Un po' di teoria...

La psicomotricità è un concetto di sviluppo psicologico che si riferisce alla struttura somatopsichica dell'essere umano in relazione con il mondo esterno.

La psicomotricità attesta la complessità dello sviluppo dell'essere umano poichè le prime esperienze corporee intereagite col mondo circostante sono le basi dello psichismo, dalle rappresentazioni inconscie alle rappresentazioni coscienti.

Etimologicamnte la parola “psicomotricità" lega il concetto di movimento all’aspetto psicologico (corpo/mente). Nella pratica è una disciplina che comprende ciò che il bambino esprime del suo mondo interno attraverso il movimento e coglie il senso dei suoi comportamenti.

Nel lavoro mi avvalgo del metodo relazionale del prof.  B. Aucouturier. nel quale si lavora per instaurare in campo educativo e terapeutico quei processi di rassicurazione originaria e quella dinamica di piacere che sono mancati al bambino e che hanno limitato i suoi investimenti affettivi a tutti i livelli di sviluppo. E' un metodo che si basa sulla dinamica di maturazione psicologica intimamente connessa alla dinamica di piacere.

Secondo questo approccio, le linee di forza a livello filosofico, psicologico, pratico e relazionale della pratica psicomotoria sono:

-creare un quadro di sicurezza necessario allo sviluppo delle potenzialità del bambino  

- accogliere il bambino con grande rispetto, come una persona in divenire, testimone di una esperienza unica

-comprendere il bambino attraverso la sua espressività motoria

-attivare processi di rassicurazione tramite il piacere di agire, giocare, rappresentare

- vivere il piacere di esistere in una relazione empatica con l'altro

A chi si rivolge la Psicomotricità che svolgo?

Ai bambini in età 0-8 anni.
La suggerisco sempre a tutti i bambini nei primi tre anni di vita, perché promuove il processo evolutivo e facilita il processo maturativo del sistema nervoso centrale, rendendo armonico il naturale sviluppo di tutte le potenzialità.
Secondo la psicomotricità relazionale il bambino esiste anzitutto attraverso il corpo in relazione con l'altro, attraverso l'azione e il gioco e il piacere vissuto favorisce lo sviluppo armonico, base importante per uno sviluppo positivo ed equilibrato con se stesso e l'altro.

Questa crescita è possibile, purchè si aiuti  e sostenga il bambino nella sua consapevolezza, riconoscendolo nella sua originalità ed unicità.

La psicomotricità aiuta il naturale sviluppo del bambino, accompagnandolo e sostenendolo nella sua crescita, ma anche se nel suo percorso si presenta qualcosa, un evento, una novità, un cambiamento che interrompe un'armonica fase evolutiva (es. balbettamento, nascita del fratellino, trasferimento, lutto, ospedalizzazione, separazione dei genitori …) o anche quando si verificano rallentamenti, blocchi, ritardi nel processo maturativo o/e evolutivo.
Se avete colto un problema o un comportamento particolare non aspettate che passi da solo, ma aiutate il bambino subito. Un intervento precoce favorisce uno sviluppo sano e libero, limita eventuali problemi e riduce profondamente alcuni disturbi che si possono strutturare sempre più nella crescita. 


Chi è uno psicomotricista esperto in Pratica Aucoutourier?

E’ una figura esperta dello sviluppo precoce del bambino e del dialogo tonico.
E’ uno esperto capace di trasformare la pulsionalità del bambino in identità di sé, attraverso il piacere del gioco.
È l’attivatore di esperienze sensoriali intense, cariche di affetto, quell’affetto che non si lascia dire, ma che scoppia dentro che è l’espressione della pulsione, della forza, dell’energia, della rabbia, della gioia, della libertà.
Lo psicomotricista lavora sul vissuto del qui ed ora e sugli scambi interattivi che avvengono nel “momento presente”, che è il tempo di autentica presenza soggettiva e fonte di un possibile cambiamento e attraverso l’esperienza sensoriale, tonica, motoria, emotiva del gioco, incanala l’energia, tira fuori l’ espressività unica e originale di ogni bambino, attiva la carica affettiva, la trasforma, proiettandola in rappresentazioni reali e tangibili che il piccolo può rappresentare nuovamente dentro di sé, contenere nella memoria, riattualizzarle attraverso altri giochi o  disegni o altre forme di rappresentazione.


Che cosa faccio  ?

Aiuto il bambino ad evolvere favorendo lo sviluppo della maturazione psicologica attraverso la via dell'espressività motoria (movimento, gioco).

Creo le condizioni spazio-tempo-materiale-sicurezza-accoglienza-fiducia affinchè il bambino possa esprimersi e interagire nel suo modo di essere e fare, tramite il corpo, il movimento, il suo linguaggio. Lo aiuto a comunicare, a impegnarsi nell’azione e nel gioco,favorisco la maturazione globale, la progressiva formazione della sua identità personale e sociale e l’apprendimento nella sua esperienza condivisa per acquisire progressivamente abilità motorie, rappresentative, simboliche e costruttive più elaborate. Sostengo  l’attivazione e lo sviluppo delle competenze interattive, motorie e affettive. Costruisco una relazione di fiducia e sicurezza per aiutare il bambino ad attenuare e modificare il più possibile le strategie di difesa usate per far fronte alle sue difficoltà e fragilità emotive (Iinsicurezza, instabilità, inibizione, impulsività, ansia, disturbi dell’umore, oppositività, ecc.). Se ci sono problemi o disturbi specifici, aiuto il bambino ad essere progressivamente più disponibile ad affrontarli, accompagnandolo a tollerare meglio la frustrazione che ne deriva e a motivarsi al miglioramento possibile.

Ad oggi ho studiato ed elaborato anche delle modalità di interazione attraverso il canale virtuale (online) per non far perdere al bambino e alla famiglia la continuità dell'intervento psicomotorio necessaria per raggiungere gli obiettivi evolutivi e garantire un cambiamento efficace e duraturo. 

 

Valentina Rocchio Psicomotricista

Chi sono
Saronno
+39 349 8640334
valentinarocchio@gmail.com
Mi trovi anche su Instagram
e su Linkedin
P.IVA 03136070129