Cosa è la psicomotricità?

La psicomotricità è un concetto di sviluppo psicologico che si riferisce alla struttura somatopsichica dell'essere umano in relazione con il mondo esterno.

Scritta così appare una cosa complessa e difficile da comprendere, magari, ma in realtà come dice l'etimologia della parola stessa “psicomotricità" lega il concetto di movimento all’aspetto psicologico (corpo/mente). 

La pratica psicomotoria è una disciplina che comprende ciò che il bambino esprime del suo mondo interno attraverso il movimento e coglie il senso dei suoi comportamenti. Consente ai bambini di mettere in moto corpo, emozioni e pensieri in maniera fluida ed armoniosa, di costruire attraverso la consapevolezza di sé e del proprio corpo vissuti e capacità, dando forma alla relazione con il mondo e superando difficoltà nell'interazione con esso.

L'obiettivo è quello di offrire ascolto e l' opportunità di esplorazione di se stessi attraverso il gioco.

Il gioco per un bambino non è mai solo un gioco fine a se stesso, ma è lo stumento principale con cui si racconta, parla di sè, della sua storia e a partire da questo la psicomotricità lo aiuta nelle sue fatiche, intoppi, blocchi, problemi relazionali, emozionali, motori, psicologici.

Il metodo di cui mi avvalgo per svolgere gli interventi di psicomotricità è di stampo relazionale. attraverso il quale mediante il gioco e il movimento, si attivano, sia in campo educativo che di d'aiuto, processi di rassicurazione originaria e una dinamica di piacere che servono al bambino per evolvere in modo armonico.

I benefici della psicomotricità in sintesi 

I bambini hanno la possibilità di conoscere meglio se stessi, lo proprie abilitàaccrescere l’autostima e interpretare in modo più chiaro il proprio mondo interiore e le proprie emozioni andando a modificare di conseguenza i comportamenti e strutturando la propria identità.

 

 

Saronno
+39 349 8640334
valentinarocchio@gmail.com
Mi trovi anche su Instagram
e su Linkedin
P.IVA 03136070129